CYBERBULLISMO -
 
Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Comprensivo Cepagatti su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

CYBERBULLISMO

I nostri nonni li chiamavano teppistelli, arroganti, bellimbusti e giovinastri, oggi  li chiamiamo bulli e sono i ragazzi e le ragazze che hanno un comportamento violento o persecutorio nei confronti di coetanei.

Purtroppo sono numerosi gli episodi di bullismo nelle comunità giovanili, nelle scuole, nei luoghi sportivi; negli ultimi anni questo fenomeno si è sviluppato anche in internet.

E’ vero che Internet ha aperto nuove possibilità a tutti noi, ma è vero anche che i rischi legati ad un uso improprio della rete sono enormi: tra questi c'è il CYBERBULLISMO (ovvero bullismo online). Per i giovani che stanno crescendo a contatto con le nuove tecnologie, la distinzione tra vita online e vita offline è davvero minima. Le attività che i ragazzi svolgono online o attraverso i media tecnologici hanno quindi spesso conseguenze anche nella loro vita reale. Si può definire cyberbullismo l'uso di nuove tecnologie per intimorire, molestare, mettere in imbarazzo, far sentire a disagio le altre persone.

Tutto questo può avvenire utilizzando diverse modalità offerte dai nuovi media:

telefonate, messaggi (con o senza immagini), social network (facebook, instagram, whatsapp), siti di domande e risposte, siti di giochi online, forum online (posta elettronica).

I ragazzi realizzano atti di cyberbullismo in vari modi: pettegolezzi diffusi attraverso messaggi sui cellulari, mail, social network, postando o inoltrando informazioni, immagini o video imbarazzanti, rubando l’identità e il profilo di altri, o costruendone di falsi al fine di mettere in imbarazzo o danneggiare la reputazione della vittima, insultando o deridendo la vittima attraverso messaggi sul cellulare, mail, social network, blog o altri media, insomma  facendo minacce fisiche alla vittima attraverso un qualsiasi media.

Ma allora bisogna forse smettere di utilizzare internet e il telefono per comunicare e divertirci con i nostri amici? Assolutamente no! Per non rischiare di rimanere intrappolati in un episodio di cyberbullismo è semplicemente necessario stare sempre molto attenti quando si è online e, soprattutto, è bene conoscere quello che si può fare e quello che non si deve fare quando si utilizzano le nuove tecnologie per comunicare.

Se un giorno vi troverete di fronte a messaggi  inviati da qualcuno che non conoscete, ricordate che non siete obbligati a leggerli (se l’ informazione è davvero importante, negli sms e nelle e-mail sono sempre chiari il mittente e l’oggetto della comunicazione), ma è comunque bene conservarli e poi parlarne con qualcuno. È, infatti, importante segnalare il problema, o anche solo un dubbio, a qualcuno più grande che ci possa aiutare. Possono essere i genitori, gli amici, gli insegnanti, ma anche i moderatori o i proprietari del sito internet che stavate visitando quando avete ricevuto il messaggio. Questo è importante perché, se vengono individuati dei comportamenti illeciti, questi devono essere comunicati alle autorità competenti.

Allora ragazzi il messaggio è chiaro: "Se il cyberbullismo vogliamo curare, con i genitori e con gli amici ne dobbiamo parlare".

di Agnese e Ilaria


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi